SCARICA CANTO TORDO SASSELLO

Un altro fattore di minaccia per la specie è rappresentato dalla cattura di individui poi utilizzati durante la caccia come richiami vivi, allo scopo di attirare altri uccelli. Ordine Famiglia Sottordine Genere Specie. Il loro habitat d’elezione è il bosco fresco e umido, alternato a pascolo e radure, di conifere pure o miste, a quote comprese fra i e i metri; tuttavia possono localmente nidificare a quote inferiori, tra le caducifoglie, oppure spingersi verso il limite superiore degli alberi, fra i larici. La caccia al tordo, nella provincia di Siena, è consentita, nel territorio sottoposto a gestione programmata della caccia, dalla terza domenica di settembre fino al 31 gennaio. Il Tordo sassello è una specie monogama e territoriale. Depone due volte all’anno.

Nome: canto tordo sassello
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 33.60 MBytes

É di natura gregaria, e ama sorvolare le campagne in compagnia di cesene e tordi bottacci, con i quali zirla rumorosamente. La loro diffusione in Italia, in qualità di specie nidificanti, è massima e più omogenea sulla catena alpina, mentre sull’Appennino la distribuzione si fa più discontinua e frammentaria. In val Seriana, in provincia di Bergamo, è considerato genericamente raro come nidificante, nonostante manchino dati certi. Piuttosto rara come nidificante, la specie in Italia non è stata ad oggi studiata in modo approfondito; ciononostante, sono noti alcuni valori di concentrazione per gli stormi svernanti, ed è relativamente ampia la conoscenza sui suoi movimenti migratori. Un altro fattore di minaccia per la specie è rappresentato dalla cattura di individui poi utilizzati durante la caccia come richiami vivi, allo scopo di attirare altri uccelli. Il periodo di nidificazione si protrae da marzo-aprile a luglio; sono deposte in genere due covate, in voluminosi e consistenti nidi fabbricati dalle sole femmine contro solide biforcazioni, normalmente di una pianta resinosa, fra 1 e 4 metri di altezza. Le segnalazioni sono rare e localizzate nelle zone alpine di Trentino-Alto Adige e Lombardia, e sono probabilmente relative tanto a individui non in grado di migrare per menomazioni, quanto a individui fuggiti o liberati dalla cattività, come ad esempio è accaduto a Brescia nel

SELBAGNONE: Gara di Canto per uccelli da richiamo

Tordo sassello, di L. Le popolazioni di alcuni Paesi, tra cui la Russia, nel decennio hanno mostrato stabilità e, in alcuni casi, sono risultate in incremento. È molto simile al Tordo bottaccio: Nel periodo compreso tra aprile e agosto, la femmina depone uova di colore azzurro-verdognolo che cova per circa due settimane.

  SCARICA MASERATI QUATTROPORTE BATTERIA

Nonostante sia legalmente cacciabile in Italia, la specie non sembra, per il momento, mostrare particolari segni di sofferenza. Home Le specie Gli uccelli in In Lombardia, la maggior parte delle osservazioni sono state effettuate in pianura, nelle campagne e ai margini di boschi; anche se più rara, la specie è stata avvistata anche fino a 1.

In Italia, dove gli ultimi casi accertati di riproduzione risalgono alla specie è nidificante irregolare.

– Tordo sassello

Il Tordo sassello presenta uno stato di salute favorevole in tutto il territorio continentale. La specie presenta una dieta mista, di tipo sia vegetariano sia insettivoro: Nonostante i dati acquisiti siano parziali, si stima che ogni anno vengano abbattuti oltre un milione di individui. La popolazione svernante è invece regolare, nonostante le sue esatte dimensioni non siano del tutto note.

In Val Codera, in provincia di Sondrio, è stata accertata una sola nidificazione nel ; diversi i casi censiti in Val Grosina tra i 1. Nel Varesotto è nidificante negli annie in zone boscate tra i e i 1.

La pratica che prevede la cattura di uccelli selvatici a scopi venatori non è infatti compatibile con la vigente normativa comunitaria. La femmina depone uova, che vengono incubate anche dal maschio per circa 13 giorni; i nidiacei sono accuditi da entrambi i genitori per settimane.

Passeriformi Turdidae Oscines Turdus T. È stato stimato che, nella sola provincia di Brescia, vengano abbattuti legalmente dai É di natura gregaria, e ama sorvolare le campagne in compagnia di cesene e tordi bottacci, con i quali zirla rumorosamente.

SELBAGNONE: Gara di Canto per uccelli da richiamo

Una volta nati, i pulcini non sono subito indipendenti, ma si allontanano dal nido dopo circa due camto. Nella loro dieta figura una notevole varietà di invertebrati terrestri lombrichi, molluschi, insetti, larve e piccoli artropodiintegrati, soprattutto nei mesi autunnali ed invernali, da bacche e frutti succosi di numerosissime essenze, tanto selvatiche che coltivate.

canto tordo sassello

A volte, tuttavia, preferisce sostare con pochi altri individui sui rami più alti degli alberi, dai quali domina il territorio sottostante…. Dopo l’involo dei giovani, le famigliole restano a lungo riunite. Un altro fattore di minaccia per la specie è rappresentato dalla cattura di individui poi utilizzati durante la caccia come richiami vivi, allo scopo di attirare altri uccelli.

  SCARICARE RIVERDALE GRATIS

Per questo la specie viene valutata come sicura, e non è inserita nella Lista Rossa Nazionale, anche perché è un nidificante occasionale. In Italia la consistenza della popolazione svernante di tordi sasselli non è ancora ben conosciuta.

canto tordo sassello

La caccia al tordo, nella provincia di Siena, è consentita, nel territorio sottoposto a gestione programmata della caccia, dalla terza domenica di settembre fino al 31 gennaio.

Il suo cinguettio è molto gradevole e delicato, somigliante a quello del Tordo bottaccio ma più prolungato e dolce.

TORDO SASSELLO – Uccelli da proteggere

Il nido viene costruito sassello alberi e cespugli o sul terreno, utilizzando erbe e stecchi intrecciati e cementati con fanghiglia; talvolta viene guarnito con muschio. La pratica dei richiami vivi, diffusa soprattutto nelle regioni centro-settentrionali del nostro Paese, è purtroppo consentita dalla legge, e arreca particolari sofferenze agli uccelli, oltre a rappresentare un ulteriore causa di morte per questa ed altre specie vittima di questa pratica.

Il nido, costruito con muschi ed erbe, è posato su alberi e cespugli; solo di rado sul suolo. F ra gli ospiti abituali dell’abetina un ruolo di preminenza spetta certamente ad alcuni rappresentanti del genere Turdus, che soprattutto attraverso il canto primaverile, prorompente e variamente musicale, segnalano la propria presenza.

Altre turdidi

La specie è infatti tuttora cacciabile in Italia, e questo costituisce un fattore negativo per la sua conservazione. In val Seriana, in provincia di Bergamo, è considerato genericamente raro come nidificante, nonostante manchino dati certi. Nonostante le informazioni basate sui dati di svernamento siano insufficienti per inquadrare lo stato di salute complessivo delle popolazioni, la popolazione nidificante di Tordo sassello è molto ampia, e conta, secondo tordl stime più aggiornate, tra